Marcel Proust, a cura di Paolo Pinto e Giuseppe Grasso's Alla ricerca del tempo perduto. La prigioniera PDF

By Marcel Proust, a cura di Paolo Pinto e Giuseppe Grasso

Show description

Read Online or Download Alla ricerca del tempo perduto. La prigioniera PDF

Best italian books

Download e-book for iPad: È facile smettere di preoccuparsi se sai come farlo by Allen Carr

In "È facile smettere di preoccuparsi se sai come farlo" Carr rivolge l. a. sua attenzione alle nostre inquietudini ed alle nostre paure nel confrontarci con le difficoltà. Usando il suo comprovato metodo, affronta un problema che, in varia misura, attanaglia tutti noi. Sia che vi sentiate continuamente assillati dalle preoccupazioni, sia che queste siano solo compagne intermittenti della vostra vita, troverete in questo libro un valido aiuto.

Additional resources for Alla ricerca del tempo perduto. La prigioniera

Example text

No, col cinema ho chiuso. — Eppure sarebbe ora che facessimo i bravi. — Ho un’altra idea. Vorrei fondare una cooperativa d’attori — Ma se mi hai appena detto che volevi mollare il colpo con il cinema”. — Infatti. Una cooperativa nel senso di cooperativa. Raccogliere tutti gli attori “rovinati” conie me, e organizzare dei lavori a cottimo in una cooperativa agricola. — Il fascino della terra, eh? — Alla parola “terra” Caroli si incupì. Pensò evidentemente per una frazione di secondo, a dove potesse essere sepolta l’antica Lucy.

Sì. Sembravi una trota farcita. — E adesso? — Sembri solo una trota. — Si rabbuiò. — Scherzavo, scusami. Vorrei che tu mi raccontassi tutto quello che sai veramente di Nicky, a cominciare da dove è finita. Claudia arrossì, poi aggiunse: — D’accordo, ma non qui. — Dove? Uno skater abbronzato ci si accostò: — Nicky, ti dà fastidio? La guardai: — Il lupo perde il pelo, eh... Claudia, decisamente migliorata, si girò verso il suo presunto cavaliere: — Claudia. Io mi chiamo Claudia. Ti ho detto mille volte che adesso devi chiamarmi Claudia.

Stava ancora parlando col volto arrossato da un rush cutaneo. Parlava, implacabile come la filodiffusione. Ecco cos’era in realtà Carne. Mi ci erano voluti anni per capirlo. Per un certo periodo di tempo avevo semplicemente creduto che non avendo potuto storicamente vivere il Sessantotto, in quanto neonato, si fosse costruita la mitologia dell’onniscienza anziché dell’esperienza. Pensavo che salisse in cattedra, per cancellare gli anni trascorsi disteso in culla. Mi ero sbagliato. Carne parlava continuamente senza ascoltare, poiché era in realtà una radio gigantesca.

Download PDF sample

Alla ricerca del tempo perduto. La prigioniera by Marcel Proust, a cura di Paolo Pinto e Giuseppe Grasso


by Ronald
4.3

Rated 4.98 of 5 – based on 28 votes